dentro al buio

nella camera dei sogni
ci sono dei futuri che non accadranno
interpretazioni di passati che non sono stati
lei che lascia scivolare via il kimono sulle cosce nude
cantieri d’incertezze che diventano La Bella Casa
caos di sciatteria e ciarpame che rimetti a nuovo
e sopra un letto, vulnerabile e agitato, il tuo corpo come morto
che si sveglia per dovere
convinto di aver fatto un sogno
che sarà la chiave che gira finalmente
l’Intuizione dentro al buio che rovina il tuo respiro

© Daniele Martino 2015 – proprietà letteraria riservata

ansia

mani, mani calme che accarezzo
mordicchiando il polpastrello
labbra, labbra molli e umide
ribaciate a rimbalzello
senza lingua che di giorno ci hai vergogna
occhi, manga-occhi acquosi luccicanti
che stranamente sembrano d’amore
una specie di estasi in stand-by
volta dopo volta sedativi all’ansia che tu hai
ansia che mi prende in un contagio
perché so che anche stavolta te ne andrai

© Daniele Martino 2015 – proprietà letteraria riservata