se chanto, que chante

Se chanto, que chante
chanto pas per ieu
chanto per ma mia
qu’es al luènh de ieu
Davanti alla mia finestra
c’è un usignuolo
tutta la notte canta,
canta la sua canzoneSe canta, che canti
non canta per me
canta per la mia amica
che è lontana da meQuelle montagne
che tanto alte sono
mi impediscono di vedere
dove sono i miei amori

Alte, ben son alte,
ma si abbasseranno
e i miei amori
verso me torneranno

Abbassatevi montagne,
alzatevi pianure
affinché io possa vedere
dove sono i miei amori

Sergio Berardo e i Lou Dalfin al 18° concerto di Ferragosto al Santuario di San Magno, Occitania

se chanto

de vant de ma fenestro ia un auzeloun
touto la nuech chanto, chanto sa chansoun
se chanto que chante, chanto pa per iou
chanto per ma mio, qu’es luenh de iou
quelos mountanhos que tan aoutos soun
m’empachoun de veire mes amour ount soun
baisa’- vous mountanhos, planos levà-vous
perquè posquè veire mes amour ount soun

davanti alla mia finestra c’è un uccellino
tutta la notte canta , canta la sua canzone
se canta, che canti , non canta per me
canta per la mia amica  che è lontana da me
quelle montagne che son tanto alte
m’impediscono di vedere dove sono i miei amori
abbassatevi montagne, alzatevi pianure
perché io possa vedere dove sono i miei amori

Sergio Berardo e i Lou Dalfin al 18° concerto di Ferragosto al Santuario di San Magno (15 agosto 2018)

«non me ne importa niente»

Nel parlar
si dovrebbe ognor pensar
per lo meno sette volte per non sbagliar.
Pur lo so
quanta gente ancor però
dice tante e tante cose senza pensar.

Ma di quello che si dice,
che sussurrano gli amici
e che mormora la gente
Non me ne importa niente,
non me ne importa niente!

Non me ne importa niente (1938): Trio Lescano con Orchestra Cetra diretta da Pippo Barzizza. Musica di Alberto Lao Schor parole di Mario Bonavita in arte Marf

 

 

Cate Blanchett musa d’arte

Tre elementi (paesaggio imponente; bellezza del volto e maestria interpretativa di Blanchett – il film che più torna in mente è Carol di Todd Haynes -; testo retorico dei manifesti contestualizzato in modalità alienata) fanno di Manifesto un film d’arte concettuale visuale e teatrale di bellezza unica, come le creazioni video pseudoimmobili di Bill Viola.

http://www.doppiozero.com/materiali/manifesto-di-unattrice