«nel suo ottuso sonnecchiare»

«Ad Oblomov, nel suo pigro starsene sdraiato in pose pigre, nel suo ottuso sonnecchiare e nei suoi impulsi ispirati, la donna era sempre apparsa anzitutto come moglie, e solo qualche volta come amante. Nelle sue fantasticherie si librava l’immagine di una donna alta e slanciata, con le mani tranquillamente piegate sul petto, con uno sguardo calmo, ma superbo, seduta con noncuranza in mezzo all’edera del boschetto, muoversi con passo leggero sul tappeto, sulla ghiaia del viale, con la figura ondeggiante e la testa graziosamente appoggiata sulle spalle, con un’espressione pensosa; come un ideale, come l’incarnazione di un’intera vita colma di tenerezza e di pace solenne, come la pace stessa».

Ivan Aleksandrovič Gončarov, Oblomov (1859)