«Non salvezza»

È vero, siamo parte di una narrazione più grande, i nostri dolori sono già stati vissuti e cantati da chiunque, proprio come i nostri amori; e il tempo farà il resto.

Ma rimarrà sempre il momento in cui l’individuo torna a casa da solo e da solo toccherà con mano tutto il peso della propria solitudine: l’atroce senso di colpa per avere ferito l’altro abbandonandolo, o la miseria del proprio corpo inutile e freddo dopo un abbandono. E in tale momento, come chiunque potrà confermarvi, ogni buona parola e ogni storia passata può ben recare comprensione e consolazione: ma non salvezza.

Giorgio Fontana, Rapsodia dell’abbandono
http://www.doppiozero.com/materiali/parole/rapsodia-sullabbandono

db0e66dc95adaea5c44fb6a538023935

https://www.facebook.com/video/video.php?v=1647134295376