«D’ora in poi non più lagne, non più rinvii, bisogno di niente»

Afoot and light-hearted I take to the open road,
healthy, free, the world before me,
the long brown path before me leading wherever I choose.
Henceforth I ask not good-fortune, I myself am good-fortune,
henceforth I whimper no more, postpone no more, need nothing,
done with indoor complaints, libraries, querulous criticisms,
strong and content I travel the open road.
Walt Whitman, Song of the Oper Road

A piedi e con animo sereno prendo la strada aperta,
in salute, libero, il mondo innanzi a me,
il lungo sentiero bruno pronto a condurmi dove scelgo di andare.

D’ora in poi non chiedo più buona fortuna, io sono la buona fortuna
d’ora in poi non più lagne, non più rinvii, bisogno di niente,
basta con lamenti appartati, biblioteche, sterili critiche,
forte e contento percorro la strada aperta.

Walt Whitman, Canto della strada aperta

(traduzione mia: © Daniele Martino 2013. Proprietà letteraria riservata)

I am the poet fo slaves

walt-whitman1